a
Veneranda Biblioteca Ambrosiana
a
a
a
a



a
 
 
Descrizione del Catalogo
CATALOGO UNICO 
dei fondi manoscritti e librari 
della Veneranda Biblioteca Ambrosiana

 

IL CATALOGO UNICO DELLA BIBLIOTECA AMBROSIANA

Il catalogo è la ‘luce’ della biblioteca. Una biblioteca senza catalogo, è un magazzino, un deposito, un ammasso di libri, buio e muto. Proprio per questo la cura del catalogo è compito primario del bibliotecario. 

Nella secolare storia della Biblioteca Ambrosiana sono stati redatti numerosi e puntuali cataloghi cartacei, che ancora oggi costituiscono una fonte preziosa di informazioni e di ricerca. Il contesto culturale contemporaneo esige, però, anche l’apertura di un nuovo fronte catalografico: la catalogazione informatica. Così anche l’Ambrosiana, da anni, ha cominciato a costruire il suo catalogo informatico. Un’impresa titanica visto l’alto numero di volumi (ca. 1.000.000) e soprattutto la ricca varietà del materiale librario posseduto (manoscritti, pergamene, stampati, incisioni …).

Si è iniziato con la creazione di alcuni cataloghi settoriali, per poi arrivare alla decisione di dar vita ad un Catalogo Unico, in cui far convergere tutte le varie tipologie librarie, pur mantenendo le singole specificità. Ciò è stato reso possibile grazie all’adozione del formato Unimarc per le procedure di catalogazione.

Cosa si trova nel Catalogo Unico?

Precisiamo anzitutto che la catalogazione informatica del copioso materiale librario dell’Ambrosiana è ancora in corso e, purtroppo, è stato catalogato solo il 60% ca. del posseduto. Questo significa che per una ricerca  esauriente è ancora necessario ricorrere ai cataloghi cartacei presenti in biblioteca. Sono comunque in atto iniziative e progetti per proseguire nel lavoro di catalogazione informatica.

Il Fondo manoscritti è in gran parte catalogato. Occorre, però, segnalare che il livello catalografico delle singole schede non è sempre omogeneo, data la particolare natura e complessità di questo materiale librario.

Il Fondo pergamene è integralmente presente nel Catalogo Unico, ma con un tipo di inventariazione che andrebbe rivista e aggiornata.

Tra i volumi a stampa sono catalogati tutti gli Incunaboli, la gran parte delle Cinquecentine, una parte minima, invece, dei volumi editi dal ‘600 all’ ‘800. Tutte le edizioni dal ‘900 in avanti possedute dalla biblioteca sono invece già inserite nel catalogo informatico.

I numerosi Archivi e Carteggi, presenti in biblioteca, attendono ancora, tranne poche eccezioni, di essere catalogati. Tra le eccezioni segnaliamo il voluminoso Epistolario di S. Carlo.

E’ recentemente iniziata la catalogazione delle numerosissime incisioni e stampe.

E’ in corso anche la catalogazione delle riviste e dei periodici.

Come consultare il Catalogo Unico?

L’Opac di accesso al Catalogo Unico on-line è raggiungibile con il seguente link:
http://ambrosiana.comperio.it/ 
La pagina web che si apre permette sia una ricerca in tutto il Catalogo Unico, sia una ricerca per settori bibliografici: manoscritti, incunaboli, stampati, riviste, biblioteca digitale.

A questi  si aggiungono anche le Sezioni speciali. Al momento sono attive le seguenti sezioni: Epistolario San Carlo, Pergamene, Grafica, Catalogazioni in caratteri originali (cinese, arabo, siriaco).

In tutti questi ambiti di ricerca è possibile attivare una ricerca semplice o una ricerca avanzata.

La ricerca avanzata permette di incrociare i dati catalografici relativi a ben 19 campi di catalogazione. Molto utili anche le fascette laterali con varie tipologie di raggruppamento. Una volta individuato il testo ricercato, è possibile richiederlo in consultazione (solo in loco) indicando gli estremi presenti nel campo Collocazioni.


a
 
a